fbpx

Ma come, non hai già pensato ai regali di Natale? Quasi. Non è mai troppo tardi. Diciamolo: i regali sono sempre apprezzati, l’importante è che siano scelti con un po’ di criterio e accompagnati da qualche parola sincera. Va benissimo anche se arrivano a gennaio, tanto ci saranno pandori e panettoni da finire (sì, anche quelli che aspettano in un cantuccio della dispensa rischiando di essere dimenticati).

Ho pensato di cogliere l’occasione e condividere qualche idea, perché quando incontro questo genere di contenuti sono sempre grata: ecco una piccola lista di regali che potrebbero essere apprezzati da freelance e creativi. Regala responsabilmente!

Un cofanetto con cinque journal annuali, molto curati. Per chi ama pensare in grande, pianificare la propria attività e tenere traccia di tutto quello che accade nella vita e che fa crescere. Secondo me vale anche come auto-regalo.

60 carte con domande, riflessioni, esercizi. Per chi non smette di farsi domande, scendere in profondità, cercando di conoscersi meglio. Per chi pensa che conoscersi a fondo sia anche un buon modo per fare scelte intelligenti (o almeno, per provarci).

Un libro semplice e positivo (sì, ha anche una bella copertina). Per chi vuole portare la creatività e l’immaginazione in famiglia, o regalare l’idea a qualcuno che potrebbe apprezzarla, e anche per gli insegnanti. Per chi vuole stare a contatto, mettersi in gioco e creare le proprie tradizioni.

Una box mensile, a sorpresa, con una selezione di prodotti di creativi e progetti indipendenti. Per chi pensa che lasciarsi sorprendere sia un buon modo per trovare ispirazione. Per chi ama l’idea di ricevere una selezione di prodotti nati dalla creatività e dalla cura di qualcuno che merita un piccolo sostegno (per il coraggio).

Una bacheca su cui comporre parole e messaggi, agganciando le singole lettere. Per chi apprezza il design nordico e non ha ancora capito cosa manca nel suo studio o ufficio. Per chi ama giocare con le parole e ha sempre voglia di fare liste.

Di bollitori ce ne sono tanti, ma io in questo caso andrei sul sicuro. Per chi non riesce a pensare e concentrarsi se non beve una tazza di té ogni ora. Per chi, già che ci siamo, vorrebbe anche un oggetto in grado di dare un tono all’ambiente.

Non abbiamo mai abbastanza calze e sarebbe bello non averle spaiate. Per chi non ha paura di mostrare uno slancio creativo anche all’altezza della caviglia. Per chi sta già pensando a quanto starebbero bene fotografate su Instagram (sì, dai, lo sappiamo).

Ogni tanto, condivido ispirazioni e innamoramenti anche sulle Instagram Stories: mi trovi anche lì!

Giulia Modena

Aiuto professionisti e piccole imprese a raccontarsi online, sui siti web e sui social. Il mio lavoro può far sentire meglio e amplificare il valore del tuo, con quello che si legge e quello che si vede. Ai numeri ho sempre preferito le parole.